La Chiesa può essere liberamente visitata il sabato dalle ore 16.00 alle 18.00
Gli interessati sono pregati di contattare telefonicamente il n.347 0031817


- fare click sulle immagini per ingrandire -

SANTA MARIA DELLA NEVE (XI secolo)

Eretta nel 1076 all’interno della cinta muraria che proteggeva la parte più alta del paese, fu intitolata alla Madonna della Neve, alla quale è dedicata la Basilica di Santa Maria Maggiore a Roma.
Si hanno notizie storiche della Chiesa, per la prima volta, nel 1179.
Costituita da un'unica navata, conserva un'acquasantiera, databile al XV secolo, proveniente dalla Chiesa di San Martino, e un Fonte Battesimale del XVIII secolo di scuola toscana. Dietro quest'ultimo, l'affresco rappresentante il Battesimo di Cristo, degli inizi del Novecento.
La Chiesa, divenuta Pieve nel 1578, ha mantenuto, solo in parte, la struttura originaria: il coro e parte del presbiterio. Il campanile fu eretto a partire dal 1786 e i lavori si conclusero nel 1811, quando furono acquisite, dal demanio statale, le campane (dedicate a Santa Maria della Neve, al Beato Eugenio III, e a Santa Filomena), dalla Chiesa – convento di San Paolo all’Orto.
La Chiesa, ristrutturata più volte, conserva gli altari laterali settecenteschi, un tempo dedicati a San Giovanni Evangelista e a Sant’Antonio e alle anime del Purgatorio, ora a Papa Eugenio III (1145-1153) e al Sacro Cuore. Nella cappella laterale, dedicata alla Madonna, vi era una statua in stucco policromo della Madonna di pregevole fattura della scuola di Andrea Pisano, ora in luogo più sicuro.
Tra le opere di pertinenza della Chiesa vi sono alcuni quadri tra cui un baldacchino attribuito a Giovanni Battista Tempesti e una tela raffigurante la S.S. Annunziata.

- indietro -